Vivere la Montagna homepage
L'Associazione in Svizzera
L'Associazione in Italia


   FILM DVD Rivista
   Magliette montagna
   Filmati rivista
   Abbonamento
   Pubblicita'
   Contatti
   Team
   News
   Socio sostenitore
   Sponsor
   Collabora con noi
   Concorsi
   Fumetti
   Impara la Natura
   Articoli giornale
   Luca Bettosini
   Intervista a Luca
   Comperare la rivista
   Condizioni d'acquisto
   Copertina rivista
   Indice riviste 0-39
   Indice riviste 40-85
   Leggi la rivista




 

     Iscriviti

     Benefici

     Sostieni
       l'Associazione

Associazione Rivista on line   Catalogo libri   Montagna.ch  
 

Impara la Natura



Farfalle di montagna

“In Svizzera volano la bellezza di 3600 specie circa, nella maggior parte notturne! Quelle diurne sono più o meno il 5% e almeno la metà sono già iscritte nella lista rossa delle specie minacciate. Le farfalle per la loro sopravvivenza dipendono dalle piante e la cementificazione o la “desertificazione” dei giardini, impedisce o almeno limita di molto la loro proliferazione. Quasi tutti i giardini pubblici, ma anche quelli privati di case e ville oggi sono belli, perfettamente verdi, perfettamente piani, perfettamente rasati, con una sola specie di erba e niente “erbacce”. E invece non esistono erbacce, ma solo erbe cresciute nel posto sbagliato e sono quelle che fanno bello un territorio… che lo arricchiscono di farfalle, di fiori volanti! La comparsa di un tarassaco, di una gramigna o di una primula viene combattuta con estrema drasticità! Estirpazione! Ma non è tutto. Invece delle nostre stupende piante indigene vengono piantate specie esotiche, che non hanno nulla a che fare, con i nostri meravigliosi insetti che così trovano sempre meno nutrimento per i loro figlioli, i bruchi! Inoltre quando vediamo nel nostro giardino una pianta con le foglie piene di buchi, cerchiamo immediatamente il colpevole che è destinato a fare una brutta fine. Povero bruco, schiacciato o spruzzato con un pesticida! Eppure, è solo da quel brutto essere bruco che i giardini e i prati si arricchiranno di mille colori, di mille fiori che volano! Tutti gli ambienti ospitano farfalle: dalla pianura, all’alta montagna. Alcune specie si sono adattate all’umidità, altre alla scarsa illuminazione, altre ancora addirittura all’inquinamento!” Pensiero del mio grande amico naturalista Ely Riva. Ma la maggior parte scompare quando il loro ambiente viene appena alterato. Quando vediamo una farfalla cerchiamo anche di capire la sua dura vita per continuare ad esistere e non solo godere dei suoi colori.